Decreto del fare... novità !

Decreto del fare... novità !

Durc, fondo garanzia Pmi, nuovi macchinari, Equitalia, tante le novità nel Decreto del Fare....




Il Consiglio dei ministri ha pubblicato il 15 giugno in decreto legge ottanta provvedimenti con nuove misure urgenti per la crescita del Paese. Il decreto si fonda sulle sei raccomandazioni rivolte all’Italia dalla Commissione europea lo scorso 29 maggio e immette misure che andranno a completare nell’immediato ciò che dovrebbe essere proposto con il prossimo disegno di legge sulle semplificazioni, atteso per questa settimana.

Tra i provvedimenti che possono rientrare nell’attenzione del nostro giornale segnaliamo. Sicurezza stradale. “È previsto un programma di interventi di sicurezza stradale per 300 milioni di euro per la riqualificazione di ponti, viadotti e gallerie della rete stradale”.

 

Edilizia.

1) Ristrutturazioni nelle città. “Semplificazione e incentivazione del recupero e delle ristrutturazioni degli edifici nelle città.

2) Semplificazioni in materia di edilizia. “Stop alle lungaggini burocratiche: l’interessato che abbia bisogno della segnalazione di Inizio Attività può richiedere allo Sportello Unico di provvedere all’acquisizione di tutti gli atti di assenso necessari all’intervento edilizio;

Il certificato di agibilità può essere richiesto anche per singoli edifici, singole porzioni della costruzione o singole unità immobiliari purché funzionalmente autonomi, qualora siano state realizzate e collaudate le opere di urbanizzazione primaria”.

3) Semplificazioni in materia di Durc. “Per i contratti pubblici di lavori, servizi e forniture il Documento Unico di Regolarità contributiva: si potrà acquisire in via informatica; avrà validità di 180 giorni“.

 

Impresa.

1) Più facile accedere al fondo di garanzia delle Pmi. “Per riattivare il circuito del credito, il decreto prevede il potenziamento del Fondo Centrale di Garanzia, per consentire l’accesso a una platea molto più ampia di piccole e medie imprese. A questo scopo, in particolare, si dispone la revisione dei criteri di accesso per il rilascio della garanzia che allargherà notevolmente la platea delle imprese che potranno utilizzare il Fondo ed è stato programmato un cospicuo rifinanziamento, in sede di Legge di Stabilità, che consentirà di attivare credito aggiuntivo per circa 50 miliardi”.

2) 5 miliardi per l’acquisto di nuovi macchinari. “Le Pmi potranno accedere a finanziamenti a tasso agevolato per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo.I finanziamenti: saranno concessi entro il 31 dicembre 2016 da banche convenzionate; avranno durata massima di 5 anni e per un valore non superiore a 2 milioni di euro per ciascuna impresa”.

3) Multa alle P.A. che ritardano. “Viene introdotto un indennizzo monetario a carico delle P.A. in ritardo nella conclusione dei procedimenti amministrativi. Se il titolare del potere sostitutivo (cioè chi subentra al funzionario ‘ritardatario’) non conclude la procedura, scatta un risarcimento pari a 50 euro al giorno fino a un massimo di 2.000 euro. Se non liquidata, la somma può essere chiesta al giudice  amministrativo con una procedura semplificata”.

4) Certificati medici inutili. Sono eliminate tutte le certificazioni mediche oggi necessarie per accedere a impieghi pubblici e privati. Non vi saranno più per i cittadini adempimenti onerosi resi inutili dalle recenti novità legislative in materia di sorveglianza sanitaria sui luoghi del lavoro.

 

provvisoria esecuzione”.



Condividi su Facebook    

Scrivi un Commento

L'email non verrà pubblicata. I campi obbligatori hanno un asterisco