Cassazione: contratto con agenzia di vigilanza non rispettato... chi deve pagare?

Cassazione: contratto con agenzia di vigilanza non rispettato... chi deve pagare?

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 14084 del 2014, ha affermato che se il vigilante che si è assunto l'obbligo di vegliare sul bene immobile di un altro soggetto, in caso di segnalazione avvenuta non provvede ad effettuare l'intervento e verificare eventuale effrazione, deve risarcire i danni patiti dalla parte che ha subito l'omesso servizio di vigilanza.




Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 16 aprile – 20 giugno 2014, n. 14084
Presidente Russo – Relatore Petti

 

 

Svolgimento del processo

1. Con citazione del 2 aprile 1998 G.T. , nella veste di assicurata danneggiata da un furto con scasso della cassaforte interna alla villa isolata sita in (omissis) , furto avvenuto la notte del (omissis) , convenne dinanzi al Tribunale di FIRENZE la Società Metronotte s.r.l. E ne chiese la condanna al pagamento del premio assicurato in relazione alla perdita dei preziosi custoditi nella cassaforte, per oltre 93 milioni di lire. La società si costituiva e deduceva che per la clausola 8 del contratto il furto non era garantito, mentre era dovuta una penale nel caso di negligenza del personale;
chiamava in causa le ASSICURAZIONI GENERALI per esserne garantita.
L'assicuratrice si costituiva e contestava la chiamata in garanzia ma poi sosteneva le ragioni della assicurata.
2. Il Tribunale di FIRENZE, con sentenza 1 marzo 2004 rigettava la domanda della G. E la domanda di garanzia verso le ASSICURAZIONI Generali e poneva le spese di lite a carico della attrice.
3. Contro la decisione proponeva appello la G. Chiedendone la riforma e lo accoglimento delle pretese in relazione allo inadempimento della SECURITAS.
Resistevano le controparti.
4. La CORTE DI APPELLO con sentenza del 11 luglio 2007 ha riformato la decisione del tribunale accogliendo l'appello ed ha condannato la SECURITAS a pagare, a titolo di inadempimento contrattuale, la somma di Euro 22,278,67 oltre interessi legali dalla domanda; ha condannato le Assicurazioni generali a tenere indenne la Securitas per gli obblighi di pagamento verso la G. ; ha posto a carico delle Securitas le spese dei due gradi da pagare alla G. ; ha compensato le spese tra Securitas e Generali.
5. Contro la decisione ricorre SECURITAS METRONOTTE deducendo venti motivi di gravame; resiste la G. Chiedendone il rigetto per inammissibilità o infondatezza. Non resistono Assicurazioni Generali.

 



Condividi su Facebook    

Scrivi un Commento

L'email non verrà pubblicata. I campi obbligatori hanno un asterisco